Riqualificazione degli impianti per l'Auditorium di Santa Marta di Vittorio De Feo

Il progetto curato da Sinergo riguarda l’adeguamento e la riqualificazione degli impianti a servizio della chiesa sconsacrata di Santa Marta a Venezia. Questa, nei primi anni duemila, fu oggetto di  trasformazione da parte dell’Autorità Portuale su un progetto di Vittorio De Feo (1928-2002), figura di assoluto rilievo nel panorama architettonico italiano ed europeo. L’ex chiesa, di origine trecentesca, dà il nome alla punta occidentale di Venezia occupata dal porto di Venezia. La chiesa è di fatto l’unica costruzione storica in un contesto portuale occupato da edilizia novecentesca. All’interno di un programma per la riqualificazione dell’area, l’Autorità Portuale nel 2006 la trasformava in sede dei nuovi servizi di accoglienza, in grado di ospitare spazi espositivi e per conferenze, una sala proiezioni, un caffè e negozi. Il progetto di De Feo realizzava queste funzioni all’interno di una struttura in acciaio e legno, indipendente dalla struttura a navata unica della chiesa. A dieci anni dalla realizzazione, la committenza rilevava tuttavia la difficoltà di garantire d’inverno il comfort all’interno della chiesa. Per ovviare a tale problema, Sinergo nel 2016 ha progettato una nuova distribuzione aeraulica di mandata, la sostituzione della sezione ventilante della centrale di trattamento aria, un nuovo impianto di riscaldamento a pavimento e la sostituzione dei ventilconvettori esistenti.