Acquistato dalla famiglia Muffato il pacchetto azionario di maggioranza di Sinergo Spa

Venezia, 1 ottobre 2021 – A seguito di una trattativa avviata nel dicembre del 2020 tra i soci fondatori della società di progettazione veneziana
Sinergo, il 21 settembre scorso la famiglia Muffato ha acquistato il pacchetto azionario di maggioranza detenuto da Elettrostudio Srl, assumendo
così il controllo della Spa.
Il Consiglio di Amministrazione ha preso atto delle dimissioni del presidente Gianfranco Ceroni e del consigliere Marco Ceroni. Il CdA si riduce
così da 5 a 3 membri – Alberto, Anna e Luigi Muffato, il quale è nominato Presidente. Filippo Bittante, cui è rinnovata piena fiducia dalla proprietà,
mantiene il ruolo di Direttore Generale assunto nell’estate del 2020.
Con questa operazione la proprietà rinnova il suo impegno in un progetto imprenditoriale rigoroso e di ampio respiro. Grazie al consolidamento
dell’assetto proprietario, Sinergo continuerà a investire sulla qualità del progetto e sull’ampliamento delle competenze, garantendo allo stesso
tempo velocità nelle decisioni, flessibilità nella gestione, visione strategica.
L’assetto operativo di Sinergo potrà così consolidarsi e svilupparsi, grazie a un gruppo di progettisti di oltre 50 persone che è in grado di coordinare
progetti pubblici e privati, sia nell’elaborazione progettuale sia nella direzione dei lavori.
Allo stato attuale la società veneziana dispone di un portafoglio ordini su committenza pubblica e privata che le permette di programmare attività
su un arco temporale di oltre 3 anni. L’aumento di fatturato e utili ottenuto negli ultimi anni la porta ad essere una delle principali realtà nella
progettazione del Nord-est.
Sinergo progetta in tutta Italia, con commesse nelle principali città – Venezia, Roma, Verona, Milano, Bologna, L’Aquila, Palermo, Trieste.
Oltre a importanti accordi quadro che Sinergo ha in atto con ANAS, RFI e SAVE, in questi anni la società ha acquisito grandi commesse di
progettazione integrata – tra cui spiccano i progetti per la sede della società Gibus sui Colli Euganei e per gli uffici di 21 Invest a Treviso, per il
nuovo teatro Verdi di Terni, per il restauro del cinquecentesco palazzo Bocca Trezza a Verona.

Il presidente Luigi Muffato ha così commentato:
“Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto, perchè ci permette di dare continuità e prospettiva temporale a un percorso da me iniziato nel lontano 1975. Da allora è stato un susseguirsi di balzi in avanti: da giovane ingegnere di studio a libero professionista, da studio associato a società di ingegneria, dalla Spa nata dall’unione con Elettrostudio nella sede di Martellago alla fase di espansione che stiamo conoscendo in questi anni – strutture, infrastrutture, impianti meccanici e elettrici, fonti rinnovabili, e da dieci anni anche l’architettura.
Questo percorso di crescita si è realizzato grazie alla condivisione del lavoro e delle responsabilità con la famiglia Ceroni.
Ora, dopo 13 anni, la collaborazione con Elettrostudio termina consensualmente, avendo esaurito il suo slancio iniziale. Si avvia una nuova fase stimolante, che vede un mio graduale disimpegno, il rincalzo con le energie dei miei figli Anna e Alberto e dei giovani dirigenti cresciuti nella società.
Aeroporti, terziario pubblico e privato, grandi infrastrutture – in questi ambiti sappiamo esprimere un alto contenuto progettuale nei diversi campi delle strutture e della progettazione architettonica, della progettazione MEP e dell’efficienza energetica.
Ribadendo la mia soddisfazione per il risultato conseguito, assicuro ai nostri dipendenti, collaboratori e partner un rinnovato impegno per dare a Sinergo tanti anni di lavoro e prosperità.”